VIVERE ALLA GRANDE – IL FILM

VIVERE ALLA GRANDE – IL FILM

Vivere Alla Grande il film
Vivere Alla Grande, Il film

Il documentario del barese Fabio Leli, autore, regista e produttore del film, approda a Bari il 14 e 15 dicembre 2015 al cinema Splendor, ore 20.30.

Grande interesse ha suscitato questa produzione toccando una tematica molto sentita: la malattia da gioco.

Riprendo un articolo pubblicato sul portale web del Ministero della Salute: “La ludopatia non è solo un fenomeno sociale, ma è una vera e propria malattia, che rende incapaci di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse”.

Rispetto alla massiccia offerta pubblicitaria (anche in fascia protetta) e al rilascio di nuove concessioni per l’apertura di sale “sanguisuga”, penso non sia così difficile rilevare la vera contraddizione delle scelte politiche italiane, tali da concedere un abbuono di decine di milioni di Euro per una multa comminata all’industria dell’azzardo.

Ciò che interessa veramente allo Stato è l’aumento dei volumi di Euro giocati per gonfiare i guadagni dell’industria del gioco e, di conseguenza, le proprie entrate. Per contro, riducendo i servizi assistenziali sanitari e dietro l’avvertimento: “Giocate con moderatezza, può provocare dipendenza!”, lo Stato può considerarsi scevro da responsabilità di fronte alle vittime patologiche del gioco?

A pensare che quando fu istituita l’estrazione del Lotto del mercoledì, il messaggio pubblicitario verteva sulla raccolta di fondi per la salvaguardia del patrimonio artistico nazionale.

Ero ragazzo, sono ricordi indelebili.

La “LUDOPATIA” e la diffusione del “GIOCO D’AZZARDO” sono tra delle tante CONTRADDIZIONI ITALIANE!!!

Definiamole insieme come: “AZZARDOPATIA” !!!

 

Le fonti:

http://www.vivereallagrandeilfilm.it

https://www.facebook.com/humantreedoc/

http://www.salute.gov.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.