Il paradosso delle esenzioni

Un giorno, incontri un’amica, una storia come tante: vedova, sacrifici per tirare su due figli, un lavoro che la tiene lontana da casa 14-15 ore al giorno per uno stipendio di circa mille euro e scarsa collaborazione in famiglia.

“E devo sentirmi dire: meno male che un lavoro ce l’hai!” mi diceva P. che non incontravo da diverso tempo.

Si rifletteva sull’importanza della prevenzione. “Prevenire è meglio che curare!” come diceva una pubblicità famosa.

“Prevenire cosa? A malapena si arriva a fine mese, con un mutuo da pagare che succhia una buona parte dello stipendio, le utenze, le esigenze dei ragazzi che crescono” mi diceva. Fatti quotidiani.

Dobbiamo fare vita sociale, dare ai figli delle opportunità, devono studiare perché la cultura fa la differenza. E la salute?

“Ho un problema con uno dei due figli: sviene improvvisamente” mi diceva. “L’ho portato al pronto soccorso diverse volte, mi hanno detto che non ha nulla, è nella pubertà ed è normale. Mi hanno comunque consigliato una serie di esami clinici”.

Piuttosto innervosita e mortificata mi raccontava che era in attesa dello stipendio che come ogni mese non viene accreditato in tempo. “Non capisco tutte quelle esenzioni che vengono erogate agli anziani, ultra 65-enni o con determinate patologie, quando un giovane ne avrebbe diritto quanto loro. Potrebbe essere qualcosa di serio ma per indagare serve una barca di soldi con quel che costano gli esami clinici e le visite specialistiche. Dai 6 anni, i figli perdono le esenzioni!”.

Prevenire è meglio che curare? Probabilmente è una di quelle frasi fatte in un Paese che invece vive sul “campa cavallo che l’erba cresce!” giusto perché la colpa cada su qualcun altro che non siano le istituzioni.

Aumentano gli stipendi dei dirigenti delle ASL, si taglia la spesa sanitaria e per contro si mortifcano i cittadini perché non danno importanza alla prevenzione.

Chiediamoci perché un cittadino diventa importante per la sanità solo quando è da curare. Cosa c’è dietro alla cura del malato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.