Il Sud “piange” per colpa dei Governi

Il Sud piange per colpa dei governiSul Sud basta piagnistei“, ecco quali sono state le ultime superficiali dichiarazioni che il Presidente del Consiglio Renzi ha dedicato alla gravissima situazione del Mezzogiorno, dopo averlo totalmente dimenticato e abbandonato a se stesso. Eppure solo qualche mese fa e precisamente lo scorso novembre 2014, il Presidente del Consiglio dichiarava: “Se riparte il Sud, riparte l’Italia“.

IL SUD

Parole che avevano ridato speranze e illusioni ai milioni di cittadini che al Sud non vivono, ma sopravvivono e che, sono state utilizzate da quasi tutti i governi precedenti, compreso l’attuale, solo come strumento per spot elettorali. Parole, quelle pronunciate dal Presidente del Consiglio, che nei fatti sono state sconfessate dalla legge di stabilità approvata proprio dal suo Governo nel dicembre 2015, che ha condannato ulteriormente il Sud ad una stagnazione senza fine.

SUDLa legge di stabilità relativa al 2015, infatti, anziché far ripartire il sud, come vorrebbero le parole del Presidente del Consiglio, ha aggravato la situazione economica del Mezzogiorno. Il Governo, infatti, ha abolito gli sgravi contributivi previsti nella legge 407/90 che servivano proprio per incentivare le assunzioni nel Mezzogiorno. Una legge che era stata, sin dagli anni 90, un pilastro basilare per l’occupazione, soprattutto, del Sud e che prevedeva uno sgravio contributivo pari al 100% per un periodo di 36 mesi in favore delle imprese che assumevano disoccupati alla ricerca d’impiego da oltre 2 anni. Ha tagliato 3,5 miliardi di euro, a partire dal 2015 e sino al 2018, ai Fondi europei destinati al Piano di Azione e Coesione per le regioni del Sud.

nord-sudHa previsto al Sud per il 2015 un’ulteriore taglio della spesa pubblica in percentuale del Pil pari al 6,2% , ovvero, più del doppio del Centro – Nord (-2,9%), che comporterà un effetto depressivo sull’economia del Mezzogiorno e un ampliamento dei divari regionali. Ha previsto tagli lineari alla sanità e ai servizi essenziali ospedalieri, quali ricoveri, visite e esami clinici, che non saranno, pertanto, più garantiti. Non ha stanziato neanche un euro per promuovere politiche volte allo sviluppo economico e alla ripresa dell’occupazione.

In tutto questo scenario apocalittico, vi è da aggiungere, inoltre, che il Presidente del Consiglio Renzi, sempre per il bene del Mezzogiorno, ha consentito la candidatura di condannati come De Luca in Campania ed ha salvato plurindagati in Puglia, come Azzollini che si trova sotto indagine per aver sperperato centinaia di milioni di euro sul territorio pugliese.

 

IL SUD PUZZAMentre il sud piange, il Governo pensa solo a sfruttarlo (a favore del Nord) per provare a vincere le prossime elezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.